MUSEO DELLA VALLE DI BLENIO Museo storico della Valle di Blenio
Museo storico della Valle di Blenio, Lottigna MUSEO STORICO

ESPOSIZIONI

SALA MOSÈ BERTONI

MUSEOVIVO

INFORMAZIONI GENERALI
IL MUSEO ANNUNCIA
Novita del museo della Valle di Blenio Giochiamo ?
24 aprile – 1° novembre 2016
Inaugurazione della mostra domenica 24 aprile alle 17.00

Giochi e giocattoli dalla fine del XIX sec. agli anni ‘70 in Valle di Blenio, con fotografie, interviste, video e testimonianze.
In collaborazione con le scuole e BlenioIdea.

Come giocavano i nostri genitori, nonni e bisnonni? Ce lo racconta il museo, che per una volta indaga sui giochi dei bambini di ieri, quando non si parlava né di tempo libero né di sport, né di giochi a batteria o elettronici. Anch’essi allora giocavano e si divertivano, forse di più di oggi, come abbiamo sentito in alcune belle interviste che si possono riascoltare.
La mostra si basa su una raccolta, compiuta in breve tempo in Valle di Blenio, di informazioni (interviste, video, fotografie) e di oggetti (giochi e giocattoli).
I primi documenti risalgono alla fine dell’Ottocento: sono i ritratti dei figli di emigranti, in posa con un giocattolo. Rarissime sono le fotografie di bimbi di famiglie modeste, molte di più quelle dei figli di famiglie molto benestanti.
I racconti invece ci descrivono i giochi abituali e presentano alcune storie di giocattoli. Le differenze fra le classi sociali appaiono molto evidenti in ogni ambito.

La mostra suscita emozioni, vuole stimolare la fantasia e riproporre vecchi giochi, perché è un peccato non conoscerli.
Nella prima sala si trovano quei giocattoli spesso solo sognati, o ricevuti da parenti lontani, e si racconta come vivevano in valle i figli dei contadini. Nella seconda si svela il mondo dei giocattoli, quello dei bambini un po’più (o molto più) fortunati, i giochi di ruolo, i segreti di costruzione delle bambole: (sarà di carta pesta, di celluloide, di porcellana?), con qualche accenno sulla storia dei balocchi in Europa, in Svizzera e sul mitico FCW.
Uno spazio è dedicato alle bambole, ai peluches e alla “piccola casalinga”, un altro ai giochi di costruzione e alle architetture. Un’attenzione particolare è dedicata ai bambini di oggi, che hanno collaborato in un modo o nell’altro a scuola alla realizzazione della mostra e a quelli che al museo desiderano ancora giocare.
Il museo propone giornate speciali, con visite guidate per adulti e bambini e attività ludiche, le domeniche
1° maggio, 22 maggio per la giornata internazionale dei musei, 2 ottobre, 1° novembre per la chiusura della mostra.
Cartellone dell'invito [PDF]